Extra
Formula abbonamento
La Buona Notizia
La Buona Notizia
Spazio scuola
Scarica dai link qui sotto i pdf delle guide ai libri di Valerio Bocci.

LE PARABOLE SPIEGATE AI RAGAZZI

Scarica tutta la guida

I DONI DELLO SPIRITO SANTO SPIEGATI AI RAGAZZI

Introduzione
DONI

LE BEATITUDINI SPIEGATE AI RAGAZZI

Introduzione
BEATITUDINI

10 COMANDAMENTI SPIEGATI AI RAGAZZI
10 COMANDAMENTI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE MEMORIE DELL'ORATORIO

Scarica tutta la guida
Guida Memorie

GUIDA ALLA LETTURA DI CHE RAGAZZI!

Scarica tutta la guida
Guida Che ragazzi
chiudi_box
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 01 02 03 04 05 06 07 08 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10

...con Carlo Conti

Multe ai fumatori

A Capoliveri, uno dei Comuni dell’isola d’Elba, i ragazzi che verranno trovati a fumare saranno multati. Le sanzioni raggiungono i 500 euro. L’ordinanza del sindaco è l’ultima tappa d’una stagione di divieti fumoiniziata con i provvedimenti sulla vendita e il consumo di bevande alcoliche a Milano.
 
L’intento è lodevole poiché un terzo di quindicenni italiani fuma e il fumo, quando non uccide, provoca danni spesso irreparabili, fa cadere i capelli, dà alito cattivo, guasta la pelle e i denti. Insomma, fumare è da sciocchi. Ma il rischio è che, come sempre, il divieto generi il gusto della trasgressione.
 
Forse, più che le proibizioni, potrebbero essere efficaci l’esempio e le parole. Senza prendere di petto i ragazzi, ma trattandoli come persone coscienti e mature. Però è credibile un genitore che illustra al figlio i danni del tabacco e intanto fuma?
 

Generazione pigrizia

Gli ultimi rilievi statistici rivelano che i ragazzi italiani non si muovono a sufficienza: 6,5 milioni di loro non hanno mai fatto pratica sportiva, in alcune classi il tasso di esenzione dalle ore di educazione fisica raggiunge il 40%. Concentratissimi davanti a un computer, tre ore al giorno, annoiati a morte se c’è da mettere alla prova il proprio corpo.
 
pigroPare sia una tendenza europea: in Francia la chiamano “generazione pigrizia”. Noi, però, secondo i parametri Ue, siamo i più pelandroni: il 41% della popolazione italiana è catalogata alla voce “sedentarietà assoluta”. All’opposto c’è la Finlandia, con il 7% di inattivi.
 
Mi domando se sia tutta colpa dei ragazzi. Certo, i videogame, Internet, face book dilagano, ma la società ha un debito con i ragazzi: ha sottratto loro lo spazio normale del gioco nei luoghi pubblici, nelle strade, nelle piazze. E non l’ha sostituito con attrezzature adeguate. In bici si rischia l’incidente, lo jogging è un suicidio polmonare. Parecchi anni fa a Napoli mi trovai ad aspettare che venisse realizzato un rigore prima di poter passare con la mia auto. Il portiere che l’aveva parato, un piccoletto bravissimo, mi disse: “Può passare, non vede che la porta è aperta?”.
 

Se ti chiami Chantal

Talvolta sbagliano anche i professori. L’Università di Oldenburg, in Germania, ha interpellato 2 mila insegnanti sulle reazioni provocate dai nomi degli studenti. Nella metà degli interpellati, nomi poco tradizionali come Kevin, Chantal, Angelina, Mandy e Maurice provocano un immediato giudizio negativo. Così le stravaganze dei padri ricadono sui figli.
 
Il rischio che i Kevin le Chantal si trascinino per sempre qualche chantalferita provocata dal pregiudizio pare sia alto. È un problema soltanto tedesco? Lo snobismo in fatto di nomi è una realtà in tutte le società a forte immigrazione e molto influenzate dai modelli mediatici: la scuola, però, dovrebbe esserne immune.
 
La professoressa Kaiser che ha pilotato l’inchiesta, consiglia (sottovoce) di non seguire le celebrità quando si sceglie il nome dei figli. E aggiunge (ad alta voce) di “educare gli insegnanti sui pericoli dei loro pregiudizi”.
 

CARLO CONTI RISPONDE

Chi pensa alle domande

Siamo un gruppo di studenti delle Suore Orsoline di Brescia e discutiamo spesso sull’Eredità, specialmente sulla “Ghigliottina”, che ritiene utile a livello linguistico.
Secondo lei dovreste fare più domande di grammatica e sulla Bibbia, perché in questi campi c’è più ignoranza che altrove. Vorremmo però sapere chi prepara le domande del gioco: lei da solo o con un’équipe? Grazie.
La Prima Media A
 
Cari ragazzi,
di solito non rispondo alle lettere sulle mie trasmissioni: non mi piace fare “autopubblicità”. Faccio un’eccezione con voi. La vostra insegnante ha ragione e difatti, in questa nuova edizione dell’Eredità, avrete notato che abbiamo aumentato i quesiti sulle materie in questione, soprattutto nel “gioco del tabellone”. E dico “abbiamo” perché lavora con me una fortissima squadra di collaboratori che prepara ogni sera le puntate della trasmissione. Grazie per quanto mi avete inviato, e un abbraccio a voi e alla vostra insegnante.
 
©Mondo Erre - Carlo Conti 
 
 
 
 
 
Nilus
Nilus
©AGOSTINO LONGO
Nilus


Gli amici di MondoerreGli Amici di Mondoerre

  

Gli amici di Mondoerre

01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 www.scuola.elledici.org www.igiochidielio.it BimboBell www.oratoriosing.it/ www.associazionemeter.it www.tremendaonline.com www.dimensioni.org www.esemalta.com www.noivicenza.it www.davide.it 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10