Extra
Formula abbonamento
La Buona Notizia
La Buona Notizia
Spazio scuola
Scarica dai link qui sotto i pdf delle guide ai libri di Valerio Bocci.

LE PARABOLE SPIEGATE AI RAGAZZI

Scarica tutta la guida

I DONI DELLO SPIRITO SANTO SPIEGATI AI RAGAZZI

Introduzione
DONI

LE BEATITUDINI SPIEGATE AI RAGAZZI

Introduzione
BEATITUDINI

10 COMANDAMENTI SPIEGATI AI RAGAZZI
10 COMANDAMENTI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE MEMORIE DELL'ORATORIO

Scarica tutta la guida
Guida Memorie

GUIDA ALLA LETTURA DI CHE RAGAZZI!

Scarica tutta la guida
Guida Che ragazzi
chiudi_box
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 01 02 03 04 05 06 07 08 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10

...con Carlo Conti

Arriva l’obbligo alla gentilezza

In questi tempi di dilagante villania, la gentilezza scarseggia al punto che siamo costretti a dedicarle una giornata mondiale. Per ricordarci che il garbo aiuta a vivere meglio. Alla ricerca del sorriso perduto, un ministro ha annunciato che renderà “obbligatoria la cortesia” per chi lavora nel pubblico impiego. Sarebbe troppo facile fare dell’ironia sul fatto che non si può essere gentili a comando: la buona educazione si può soltanto insegnare e non imporre.GENTILE
 
Conviene fermarci a riflettere sui vantaggi che un comportamento affabile ha rispetto al malgarbo, o peggio ancora alla tracotanza. In un mondo sempre più aggressivo e arrogante, si avverte il bisogno di gentilezza, una dote dimenticata che può diffondersi per contagio: cominciate voi ragazzi, magari con un piccolo gesto dal gusto perduto, come cedere il posto in autobus o sorridere a un vecchio.
 
Un gesto di attenzione agli altri fa bene a chi lo compie e a chi lo riceve. Mette le persone nelle condizioni di dare il meglio di sé e magari risveglia la coscienza dimenticata che la propria libertà finisce dove comincia quella dell’altro.
 

L’Unità d’Italia è dimenticata?

Si preparano mostre e convegni per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia, ma la maggior parte degli italiani non sa che nel 2011 ricorre lo storico compleanno. I ragazzi sono un poco più informati degli altri: hanno studiato da poco il Risorgimento.
 
unitaPerò se si domanda loro di esprimere un’opinione sul senso di quell’evento, quasi la metà è d’accordo nel ritenerlo “inattuale e inutile”. Lo stesso sondaggio rivela che soltanto il 30% degli studenti considera “interessanti” i progetti didattici sull’argomento elaborati con i professori e uno su 10 farebbe volentieri a meno di qualunque tipo di celebrazione.
 
Da un’altra indagine si scopre che un terzo dei ragazzi ignora cosa sia successo il 2 giugno del 1945, anche se è motivo per sospendere le lezioni e fare vacanza. E soltanto il 45% si dichiara felice di sentirsi italiano.
 
Ha ancora un senso parlare di orgoglio nazionale? So bene che non era esattamente questo il Paese che sognavano Mameli, i fratelli Cairoli e tutti gli altri ragazzi morti perché noi italiani stessimo insieme. So anche che la retorica della patria, soprattutto se è offerta da una cattedra scolastica, sembrerebbe assurda e risibile. Ma speravo che la scuola sapesse raccontare le vicende nazionali con il giusto spirito critico, separando la storia dalla politica.
 
Adesso leggo che i nuovi programmi scolastici prevedono di arrivare sino a Tangentopoli e alla fine del Novecento. Sarebbe assurdo oscurare le pagine peggiori, dalle guerre civili alla disfatta, dagli scandali al terrorismo e alla criminalità organizzata. Ma i ragazzi hanno anche il diritto di sapere che in 150 anni abbiamo smesso di morire di fame e di abitare nei tuguri, per diventare un membro fondatore della Comunità europea e la sesta o settima economia mondiale.
 
E non sarà certo inopportuno illustrare ai ragazzi di oggi quello che in 150 anni gli italiani hanno fatto scoprendo la scienza, dipingendo, progettando edifici, girando film, scrivendo libri e musica.
 

CARLO CONTI RISPONDE

Leggi più severe contro i fumatori?

Caro Carlo, ho letto che in una cittadina abruzzese una mamma ha denunciato il tabaccaio per aver venduto un pacchetto di sigarette al figlio di 12 anni. Se fossero tante le madri a comportarsi così, i ragazzi fumerebbero di meno? O servono leggi ancora più restrittive? Grazie.
Andrea S., Parma
 
Caro Andrea,
a 5 anni dalla legge Sirchia contro il fumo, si segnala che torna a salire la percentuale dei fumatori, in prima fila i ragazzi, soprattutto le ragazze. E allora, ti domandi, è arrivato il momento di applicare provvedimenti più severi? Tutti sanno ormai che il fumo è la seconda causa di morte al mondo. Ogni anno il tabacco fumomiete più di 5 milioni di vittime, 80 mila in Italia. Inutile il teschio nero stampato sui pacchetti, anzi pare stimoli la curiosità e lo spirito di sfida dei più giovani.
 
Le leggi ci sono. E, infatti, il tabaccaio di Giulianova citato nella lettera dovrà pagare una multa di 2 mila euro perché ha trasgredito al divieto di vendere le sigarette ai minori di 16 anni. Ma divieti, regolamenti, leggi e leggine non bastano a frenare il vizio del fumo. Le campagne di prevenzione per la salute poggiano su due leve: la restrizione e la convinzione. Perché il divieto è recepito soltanto se accompagnato da una comunicazione che spieghi le “buone ragioni” di quella restrizione.
 
Più che colpevolizzare il fumatore, forse serve offrirgli buoni motivi per smettere. Per esempio: guadagni in media 20 anni di vita; hai capelli, pelle e alito migliori; proteggi la salute di chi ti vive accanto; aumenti le prestazioni fisiche e sportive e hai più soldi a disposizione. Il mio augurio, caro Andrea, è che tu possa vivere sempre lontano dalla nicotina. Ciao.
 
©Mondo Erre - Carlo Conti 
 
 
 
 
 
Nilus
Nilus
©AGOSTINO LONGO
Nilus


Gli amici di MondoerreGli Amici di Mondoerre

  

Gli amici di Mondoerre

01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 www.scuola.elledici.org www.igiochidielio.it BimboBell www.oratoriosing.it/ www.associazionemeter.it www.tremendaonline.com www.dimensioni.org www.esemalta.com www.noivicenza.it www.davide.it 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10