01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 01 02 03 04 05 06 07 08 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10

L’incontro fra Dybala e Martina

Martina Tealdi ha 11 anni, vive a Fossano, fra i castelli del Cuneese, ed è tifosa della Juventus.

Il 17 agosto era a Barcellona, con mamma Serena, papà Nadio e la sorella maggiore Asia. Si trovavano sulla Rambla, a pochi metri dal furgone dell’Isis, che ha seminato la morte.

La gente, in fuga, le ha fratturato la clavicola, ma lei è riuscita a salvarsi per miracolo, osservando tanti altri destinati ad una fine ben peggiore.

L’incredibile è che questa famiglia aveva scelto Barcellona, per dimenticare la sede abituale delle vacanze, e cioè Nizza, dove l’Isis aveva colpito l’estate precedente.DYBALA

Il sogno di Martina, che ora dovrà combattere per molto tempo con lo spettro mentale di una teorica persecuzione da parte dei combattenti del Male, era conoscere il suo idolo: Paulo Dybala.

Le responsabilità degli atleti
Il ventitreenne campione ha già dimostrato sensibilità in passato, trasmettendo allegria fra i bambini di Laguna Larga, il paese mai scordato in Argentina, e assistendo, di persona, i senzatetto di Torino.

A gennaio, lui e Juan Manuel Iturbe, che giocava nell’altra squadra cittadina, il Torino, avevano distribuito coperte, nei giorni caratterizzati dal freddo più gelido del capoluogo piemontese, per conto della Comunità di Sant’Egidio e della Croce Rossa.

Il padre Nadio ha riferito che le parole di Paulo hanno avuto, su Martina, un effetto superiore ad una seduta psicologica, o a decine di ansiolitici.

L’esempio di Dybala deve ricordare agli assi dello sport che responsabilità hanno oggi, in un mondo svuotato di valori, davanti ai ragazzi, in quanto credibili, come nuovi punti di riferimento fondamentali.

Papa Giovanni Paolo II disse che lo sport, con i suoi eventi, può favorire la lealtà, la perseveranza, l'amicizia, la condivisione, la solidarietà.

Papa Francesco ha detto che gli atleti, con i loro comportamenti, possono insegnare, laddove non arrivano più famiglia, scuola e società.

Ricordarselo è un dovere, quando persino il “privato” è esposto, giusto o sbagliato che sia, in “pubblico”.

LA SCHEDA
Il gioiello

Nato a Laguna Laga, in Argentina, il 15 novembre 1993, Paulo Dybala cresce calcisticamente nella squadra dell’Instituto, in cui milita fin da bambino.

Nel 2012 si trasferisce in Italia, acquistato dal Palermo. Gioca per tre stagioni e la sua bravura non passa inosservata, tanto che nel 2015 si trasferisce alla Juventus, dove si toglie le prime soddisfazioni (vince 2 campionati, 2 Coppe Italia, 1 Supercoppa), diventando un elemento importante per la compagine bianconera.

È soprannominato, in Argentina, La Joia (il gioiello). Di lui, Gennaro Gattuso, che è stato suo tecnico, ha detto: « È un giocatore che è due pagine avanti nel manuale del calcio».

  
Seguitemi nel Nesti channel: http://www.carlonesti.it.

 ©Mondo Erre - Carlo Nesti

 
 
 
Nilus
Nilus
©AGOSTINO LONGO
Nilus


Gli amici di MondoerreGli Amici di Mondoerre

  

Gli amici di Mondoerre

01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 www.scuola.elledici.org www.igiochidielio.it BimboBell www.oratoriosing.it/ www.associazionemeter.it www.tremendaonline.com www.dimensioni.org www.esemalta.com www.noivicenza.it www.davide.it 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10