Extra
Formula abbonamento
La Buona Notizia
La Buona Notizia
Spazio scuola
Scarica dai link qui sotto i pdf delle guide ai libri di Valerio Bocci.

LE PARABOLE SPIEGATE AI RAGAZZI

Scarica tutta la guida

I DONI DELLO SPIRITO SANTO SPIEGATI AI RAGAZZI

Introduzione
DONI

LE BEATITUDINI SPIEGATE AI RAGAZZI

Introduzione
BEATITUDINI

10 COMANDAMENTI SPIEGATI AI RAGAZZI
10 COMANDAMENTI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE MEMORIE DELL'ORATORIO

Scarica tutta la guida
Guida Memorie

GUIDA ALLA LETTURA DI CHE RAGAZZI!

Scarica tutta la guida
Guida Che ragazzi
chiudi_box
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 01 02 03 04 05 06 07 08 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10

...CON CARLO CONTI

Correttori automatici
Beppe Severgnini, giornalista e scrittore che ha il pregio di non essere mai noioso, presta la sua faccia stupefatta alla campagna pubblicitaria di una enciclopedia. Ha avvertito i suoi lettori che il compenso andrà in “beneficienza”. Rapida come un falco, una ragazza l’ha beccato: “Ahi, ahi! Beneficenza si scrive senza i”.
Con l’ironia che lo contraddistingue, lo scrittore ha ringraziato pubblicamente, aggiungendo: “La mia maestra sarebbe stata meno tenera”. Poi, dopo aver risposto al quesito sui plurali delle parole in “cia” e “gia” (se prima della c e della g c’è una vocale, come ciliegia, la i rimane; se c’è una consonante, come pioggia, la i cade), Severgnini osserva che l’ortografia è una qualità che non si compra, ma s’impara. Ecco perché è preziosa. “Tre errori in una e-mail valgono un dito nel naso a tavola”.
Conclusione: succede di scivolare scrivendo. Basta rialzarsi e provare a non cascarci più. E i correttori automatici che sottolineano di rosso le parole sbagliate sul computer? È come saper nuotare solo con il salvagente.

Maschi pagati più delle ragazze
Uno studio dell’Università del Michigan, negli Stati Uniti, mette sotto accusa le “paghette” con cui i genitori retribuiscono i figli per i lavori svolti in casa. La ricerca ha esaminato tremila ragazzi tra i 10 e i 18 anni. Con questo risultato: i maschi intascano mediamente il 10-15% in più delle sorelle, anche se lavorano il 30% in meno. Fra i compiti riservati quasi esclusivamente alle ragazze: apparecchiare e sparecchiare, lavare i piatti, aiutare mentre si cucina, rifare i letti. Ai maschi è richiesto di svolgere lavoretti tradizionalmente riservati agli uomini, come per esempio lavare l’auto, portare fuori la spazzatura, tagliare l’erba del giardino.
La discriminazione sessuale, dunque, comincia con l’adolescenza. Penso che i maschi siano pagati di più perché fanno lavori che gli adulti giudicano “remunerabili”. Mentre invece i compiti riservati alle ragazze sono considerati di routine, quasi dovuti. Il guaio è che crescendo le cose non cambiano, semmai peggiorano. Va’ così anche in Italia: forse non ci avete mai pensato, ma le mamme lavorano almeno quanto i padri. Anzi, spesso di più e non sempre il loro è un lavoro gratificante.

Bocciati con riserva
Leggo che le prove Invalsi hanno bocciato gli alunni italiani. Molti ragazzi (63%) della scuola media non conoscono il vero significato di “cioè”, la parola che usano di più; azzardano che il Polo Nord sia più lontano dal sole; vanno completamente nel pallone quando si tratta di calcolare il perimetro di un triangolo. Invalsi è l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione delle scuole italiane. I test - che per tre giorni impegnano un milione di studenti - consistono in una serie di domande a risposta chiusa: bisogna scegliere tra 3, 4 o 5 alternative.
Quiz facili soltanto in apparenza. Tanto che gli scivoloni sono stati più di quanto fosse prevedibile. Eccone alcuni: il 23% dei ragazzi crede che dalla plastica si possano ottenere anche scatole di cartone, magliette di cotone e cucchiai di legno; il 50% non conosce il significato dell’espressione “nella notte dei tempi” e non sa che il peso sulla Luna è inferiore a quello sulla Terra; “tener d’occhio” è un mistero per il 30%.
Soprattutto la matematica è la bestia nera: il 41% non ha idea di quale sia l’unità di misura più adatta per stabilire lo spessore di un foglio di carta: in millimetri o in metri? E il 32% non sa calcolare una somma con i numeri decimali: quelli con la virgola.
Zucconi senza rimedio? No. E qui viene quella che mi sembra la sorpresa più strepitosa: alcuni addetti ai lavori, tra i quali anche il ministro della Pubblica istruzione Giuseppe Fioroni, hanno sollevato dubbi sulla validità dei test. Come dire: bocciati, ma con riserva.


CARLO CONTI RISPONDE

Tolstoj dimezzato
Caro signor Conti, che cosa sta accadendo nell’editoria? Lo domando a lei che forse non sarà un esperto in materia, ma è una persona di buon senso. Sono la madre di due suoi lettori e la seguo anch’io su Mondo Erre. Ora mi piacerebbe sapere la sua opinione sui tagli che le case editrici vogliono fare ai grandi romanzi classici. Guerra e pace, il capolavoro di Tolstoj, è già stato ridotto di 600 pagine perché “così è più leggibile”. Ma siamo diventati matti?
Un’altra notizia che trovo inquietante è la seguente: una rete di biblioteche americane ha tolto dagli scaffali i classici per far posto ad autori contemporanei di successo. È stata messa a punto una specie di “auditel” delle scelte degli abbonati: se un libro non è preso in prestito, sparisce dalla biblioteca. Così Per chi suona la campana di Hemingway ha ceduto il posto a Il socio di Grisham. Ma le pare sensato? Tanti auguri e grazie.
Anna Maria B. (Firenze)

Gentile Signora, Guerra e pace è senza dubbio un capolavoro ma - diciamo la verità - una sforbiciatina potrebbe anche essere opportuna, magari là dove l’autore fa parlare i suoi personaggi in francese, la lingua dell’aristocrazia russa del tempo. Pare che lo stesso Tolstoj avesse previsto una versione accorciata. Però 600 pagine sembrano tante anche a me, significano quasi la metà del libro.
Più preoccupante mi sembra la logica della domanda e dell’offerta seguita dalle biblioteche americane. I libri non sono noccioline. Con la stessa logica economica bisognerebbe chiudere le chiese e i musei che non fanno il pienone, magari a favore di centri commerciali e pizzerie. Grazie per gli auguri che ricambio cordialmente.
Nilus
Nilus
©AGOSTINO LONGO
Nilus


Gli amici di MondoerreGli Amici di Mondoerre

  

Gli amici di Mondoerre

01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 www.scuola.elledici.org www.igiochidielio.it BimboBell www.oratoriosing.it/ www.associazionemeter.it www.tremendaonline.com www.dimensioni.org www.esemalta.com www.noivicenza.it www.davide.it 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10