Extra
Formula abbonamento
La Buona Notizia
La Buona Notizia
Spazio scuola
Scarica dai link qui sotto i pdf delle guide ai libri di Valerio Bocci.

LE PARABOLE SPIEGATE AI RAGAZZI

Scarica tutta la guida

I DONI DELLO SPIRITO SANTO SPIEGATI AI RAGAZZI

Introduzione
DONI

LE BEATITUDINI SPIEGATE AI RAGAZZI

Introduzione
BEATITUDINI

10 COMANDAMENTI SPIEGATI AI RAGAZZI
10 COMANDAMENTI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE MEMORIE DELL'ORATORIO

Scarica tutta la guida
Guida Memorie

GUIDA ALLA LETTURA DI CHE RAGAZZI!

Scarica tutta la guida
Guida Che ragazzi
chiudi_box
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 01 02 03 04 05 06 07 08 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10

...CON CARLO CONTI

Il tassista e i portoghesi
“È tutta la vita che mi comporto onestamente. Non vedo perché dovrei cambiare”. Ha detto così Osman Chowdhury, tassista di New York, restituendo 31 anelli con diamante, dimenticati da un cliente che gli aveva lasciato 30 centesimi di mancia. Una storia d’onestà che dovrebbe essere normale e invece è sempre più strabiliante.
Sarà per via del mestiere del suo protagonista, m’è tornata in mente l’Italia dei “portoghesi”: un milione di persone, soprattutto ragazzi, che ogni giorno viaggia gratis su bus e metro. Una furberia di massa che prosciuga le casse delle municipalizzate e quindi danneggia la comunità. L’appellativo di “portoghesi” pare derivi da un concerto al Teatro Argentina organizzato a Roma nel 1700 dall’ambasciatore del Portogallo e a cui avevano libero accesso i cittadini portoghesi. Per non pagare l’ingresso tutti si spacciarono per portoghesi.

Dittatore da ragazzo
A Genova uno spettacolo teatrale racconta l’infanzia, la giovinezza e le prime esperienze di Adolf Hitler, il dittatore tedesco. Sulla sua pagella di terza elementare la maestra scrisse una nota presaga: “Adolf ha un cattivo carattere e cerca sempre di essere il capo”. Anche gli Hitler cominciano da piccoli. Quel bimbetto magrolino, scostante, solitario e sempre pronto a menar le mani, non prometteva nulla di buono fin dall’inizio. La madre Klara lo protegge come una chioccia; il padre Alois, doganiere e forte bevitore, lo vorrebbe impiegato.
Ma Adolf sogna di fare l’artista. All’Accademia lo scartano: è un piccolo fallito rancoroso. Presto orfano (si dice che trovò il padre stramazzato sul tavolo di un’osteria) diventa un giovane frustrato, mitomane e nevrotico. Se il caso l’avesse mai portato sul lettino di Freud, operante a Vienna nei suoi stessi anni, ne avrebbe avute tante da raccontare. Perché è da ragazzi che si forma il carattere.

“Spazio a Bach nelle scuole”
Ludovico Einaudi, classe 1955, pianista e compositore, ha conquistato i giovani con la sua musica che mescola suoni e culture diverse, intrecciando elettronica, rock, etnica e jazz. Dice: “La musica classica va divulgata perché rappresenta la nostra storia e conoscerla significa conoscere noi stessi. Ma non si può ignorare che il rock, il jazz e il pop siano più in sintonia con la vita di oggi, più calati nel nostro mondo. Mischiare questi generi mi ha permesso di sintonizzarmi con i ragazzi. Detto questo, però, penso che la classica debba essere un punto fermo dell’educazione scolastica, in modo da offrire ai giovani un altro punto di vista”. Come non sottoscrivere queste parole? Del resto Chopin scriveva varie versioni di un brano e Mozart componeva Messe, ma anche canzoni.


CARLO CONTI RISPONDE

Allarme bullismo
Avrei bisogno di un consiglio riguardante un fenomeno sempre più in via di diffusione, purtroppo: il bullismo. Ogni giorno alcuni ragazzi vengono fuori dalla nostra scuola per disturbare chi passa per andare a prendere il pullman facendo battute pesanti. Chi prova a rispondere, a volte, viene pure aggredito.
Io non ne posso più di vedere queste cose, ma come si permettono quei ragazzi di umiliare e far soffrire così tanto le persone? Con che coraggio lo fanno? Non voglio più vedere queste cose, che cosa mi consigli? Grazie e complimenti per le ottime risposte che dai sempre!
Monica A. ,Torino

Cara Monica,
purtroppo sembra sempre più difficile arginare questo fenomeno, anche perché, il più delle volte, le famiglie di questi “bulli” non fanno nulla per insegnare loro un po’ di educazione. Nel tuo caso, visto il ripetersi delle aggressioni, verbali e fisiche, sarebbe il caso di parlarne prima con i genitori e, d’accordo con loro, anche a scuola, per trovare una soluzione concorde, magari coinvolgendo anche altre compagne e compagni colpiti dalla maleducazione di questo gruppetto. Sono certo che, tutti insieme, troveranno un rimedio per arginare le prepotenze dei bulli, facendo intervenire, se è il caso, anche le forze dell’ordine.
Nilus
Nilus
©AGOSTINO LONGO
Nilus


Gli amici di MondoerreGli Amici di Mondoerre

  

Gli amici di Mondoerre

01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 www.scuola.elledici.org www.igiochidielio.it BimboBell www.oratoriosing.it/ www.associazionemeter.it www.tremendaonline.com www.dimensioni.org www.esemalta.com www.noivicenza.it www.davide.it 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10